A Pagani torna la festa della Madonna delle Galline

Madonna delle galline; Festa della madonna delle galline; madonna del carmine; tammurriata; tradizione popolare; tradizioni popolari; festa a pagani; tammurriata a pagani; la tammurriata a pagani; pasqua a pagani; Catartika; tosello; toselli a pagani; Ma cosa c’entrano le galline? Le origini dell’antica festa di Pagani

“‘A Madonna jesce ‘e nove e se arritira ‘a calata ‘e l’ora”.
E’ questa la frase più adatta per descrivere la festa della Madonna delle Galline che quest’anno si svolge a Pagani dal 26 al 29 aprile. Si tratta di una tra le più importanti feste popolari del sud Italia sospesa tra religione e paganesimo, che richiama, tra musiche, tammurriate e colori, migliaia di fedeli e curiosi dando loro la possibilità di rituffarsi per un momento nelle tradizioni e nel folklore dell’entroterra campano.

Ma cosa c’entrano le galline direte voi?
La tradizione popolare vuole che, dopo un temporale, un’immagine della Madonna sia andata perduta nel territorio di Pagani e che qui sia stata riportata alla luce da un gruppo di galline che razzolavano in un pollaio. La Madonna del Carmine diventa così la Madonna delle Galline, miracolosa e magica. E caratteristici diventano i cesti in cui si agitano galline, pavoni e colombe, offerti alla Madonna insieme a tortani, casatielli e torte di uova e salame.
La Statua della Vergine esce dal santuario il venerdi dopo Pasqua e sfila in processione lungo le strade e i vicoli del paese, invaso da musicanti e suonatori che danno vita a sfrenate e trascinanti Tammurriate a cui è difficile resistere.
Ed è proprio la Tammurriata, detta anche “ballo sul tamburo“, a scandire il ritmo della festa. E’ facile ritrovarsi a ballare intorno ai Toselli, le edicole votive allestite dai fedeli, dove si riuniscono i tammorrari, venuti da dovunque, a rendere omaggio alla Madonna. Per tre giorni e tre notti gli amanti della musica popolare si radunano nella villa comunale di Pagani per lasciarsi andare in catartiche danze spotandosi da una “paranza” all’altra.
Noi di Catartika ci saremo… e voi?
Pubblicalo su Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.